Ads

Metodo Montessori: cos’è?

Vi siete mai chieste se usiamo un metodo esatto per sviluppare le capacità intellettive dei nostri bambini?

Se magari facendo tale cosa facciamo bene oppure no? Di sicuro ogni giorno ci facciamo queste domande, lo sai che esiste un metodo molto efficace?

Può sembrare strano ma esiste un metodo, il metodo Montessori, che prende il nome della sua fondatrice Maria Montessori.

Che con i suoi strumenti e le sue formule  aiutò lo sviluppo della mente e dei sensi dei bambini senza essere troppo invasiva.

Maria Montessori  nel lotano 1897, frequenta a Roma  corsi universitari di pedagogia.

E proprio a roma aprì la prima scuola adatta al comportamento dei bambini.

La Montessori iniziò ad osservare i bambini e vide il loro comportamento  con i materiali  che aveva a disposizione. E vide il loro sviluppo man mano che il tempo passava.

A questo lavoro lei diede un nome lo chiamò pedagogia scientifica,  di questo ne fece uno stile di vita, tanto da creare questo metodo che portava uno sviluppo mentale dei bambini dalla nascita al compimento  dei 24 anni di età.

Lei creava delle vere e proprie stanze con materiali  che secondo lei avrebbero portato il bambino ad uno sviluppo  ottimale. Infatti col tempo la dottoressa Montessori divise in fasce d’ Età i bambini è creare dei livelli , di preciso 4 livelli.

Il primo livello che va dai 0 a 3 anni. In questo livello la dottoressa Montessori  vedeva che il bambino  presentava un veloce sviluppo fisico e psicologico ed il piccolo e visto come uno esploratore.

Questo periodo lei lo chiamò  mente assorbente perché in questo periodo il bambino osservava tutto quello che lo circondava ed apprendeva velocemente. Il secodo livello invece va dai 6 ai 12 anni.

Qui la dottoressa osservava i cambiamenti  fisici, quindi il cambio dei denti da latte, l allungamento delle gambe e del torso, e notava anche come il bambino che stava crescendo, tendeva a lavorare in gruppo e socializzava con i coetani intorno a lui ,creando dei veri e propri  gruppi di lavoro.

Il terzo livello invece che va dai 12 anni ai 18 anni, la Montessori ha osservato i cambiamenti  del corpo in età  adolescenziale e con essa i cambiamenti d’ atteggiamenti e la rapidità  di cambiare velocemente  le idee e l’ umore.

Infine il quarto livello che va dai 18 anni ai 24 anni. Diciamo che qui la Montessori non ha scritto molto, perché  ha immaginato,  che i giovani oramai adulti, erano preparati alla vita.

Ed erano capaci  d’ influenzare e guidare in completa autonomia una società.  Inoltre  credeva fortemente  che l’ indipendenza  economica data dal duro lavoro fosse fondamentale  per quest’età, per rendere completamente autonomo l’ essere umano.

Come ogni metodo scientifico ha avuto le sue critiche, vari scienziati affermavano che questo metodo fosse troppo invasivo e rigido, e che anche a livello di socializzazione i bambini imparavano in maniera singola e non di gruppo.

Nonostante ciò nel 1978 il governo usa ha riconosciuto la sua efficacia nei confronti  di bambini con difficoltà d’ apprendimento, aprendo la strada al finanziamento nelle scuola usa.

Reply