I cent’anni del reggiseno

Tra seduzione ed indipendenza il reggiseno compie cento anni.

Oltre ovviamente ad essere uno strumento di seduzione per le donne, è anche un indumento indispensabile al fine di mantenere questa parte del corpo femminile sorretta e sostenuta. Ovviamente è più nell’immaginario erotico dell’uomo uno strumento di estrema seduzione, ma al contrario per ogni femmina il reggiseno è strettamente un indumento indispensabilissimo e molto utile.

Ovviamente nel mondo dell’intimo questo capo ha segnato una svolta non indifferente nell’universo femminile. Nel corso degli anni le donne hanno sempre cercato un sostentamento per il seno, ma nessun mezzo ha mai rappresentato un’espediente consono a diventare l’indumento perfetto come invece è stato il reggiseno negli ultimi cento anni.

Questo capo è esclusivamente utilizzato dalle donne, a differenza di altri indumenti intimi che indossiamo tutti indifferentemente fra uomo e donna, il “reggipetto” così chiamato dalle nonne e le signore di una certa età, è un capo che esiste solo nel mondo femmile, forse per questo è ritenuto così seducente ed ammiccante per gli uomini. Per noi donne oltre che mezzo di seduzione, perché esalta le nostre forme più generose donando grazia e sex appeal, è un indumento del quale non faremmo mai a meno per praticità.

Il reggiseno è uno degli indumenti intimi che hanno segnato la storia nell’universo femminile, un po’ come la minigonna e quest’anno, 2012, festeggia i suoi onorabilissimi cento anni. Venne realizzato, la prima volta, in maniera molto grossolana e basica, e il primo prototipo di reggiseno venne delineato pensate nel 1912 proprio da una donna, Mary Phelps Jacob. Ideatrice quindi di un capo di lingerie che ha segnato la storia nel mondo femminile e quanto pare anche maschile, seppur solo nel loro immaginario erotico.

Si racconta che Mari Phelps, dinnanzi allo stupore generato dalla sua creazione, commentò, essendo anche  nipote di Robert Fulton, inventore del battello a vapore :-” Non posso dire che il reggiseno cambierà il mondo come il battello a vapore del mio antenato, ma quasi…”

Ovviamente il primo prototipo era molto elementare e per nulla seduttivo, forse solo molto pratico se vogliamo vederla sotto un occhio meno critico, pensate che era stato realizzato con una cinghia la quale aveva cuciti sul davanti dei fazzoletti e delle fasce da neonato. Sicuramente non carino da vedere ma pratico ed utile per le donne del tempo che non avevano nessun indumento che gli sorreggesse il seno, se non quei corpetti molto scomodi e sicuramente troppo stretti.

Come tutte le nuove invenzioni, anche quella di Mary Phelps Jacob non ottenne grande approvazione da subito, bisognò attendere l’arrivo di alcune fibre come:  il nylon e rayon, per far si che il reggiseno potesse essere commercializzato ad un prezzo abbordabile a tutte le donne. Negli anni cinquanta l’evoluzione progredì e nacque una sorta di push up, un reggiseno che esaltava le forme maggiorate ed abbondanti delle donne di quegli anni. Donne dalle forme generose e sinuose.

Sempre in quegli anni poi, venne prodotto un nuovissimo ed innovativo tessuto, la lycra, chi non la conosce ancora ad oggi, che rivoluzionò il mondo dell’intimo in quanto morbida, leggera, elastica e sicuramente a basso costo.

Il 68′ lo conosciamo tutti, è l’anno dell’emancipazione femminile, simbolo di quegli anni infatti fu proprio il rogo dei reggiseni in piazza, come contestazione da parte del mondo femminile.

Negli anni Settanta, invece, viene realizzato il primo modello di reggiseno senza cuciture e senza ferretti, un modello molto più naturale che seguisse quindi la linearità e forme naturali del petto.

Negli anni poi a seguire i modelli si sono sempre più migliorati, affinati e resi più femminili. Gli anni in cui questo capo d’ intimo femminile, gli anni Settanta,  diventa addirittura un’icona.

Nei Novanta arriva il push up, che ovviamente accentua le forme femminili e dona una taglia in più a chi ha un seno scarso e piccolo.

Negli anni duemila inutile dirlo, abbiamo visto ogni sorta di reggiseno innovativo, colorato, di pizzo, ricamato, disegnato, insomma di tutto e di più sul mercato è stato ed è possibile trovarne di tutte le marche e tipi. Siamo addirittura arrivati ai reggiseni che si attaccano letteralmente al seno, sprovvisti di spalline, etc… Insomma a distanza di anni il reggiseno, a parte ora per il suo compleanno, non ha mai smesso di far parlare e di essere amato ed apprezzato da donne e uomini.

 

Reply